www.FotoEmozioni.it

Il Forum della Fotografia Naturalistica, animali, uccelli, rettili, anfibi, paesaggi, flora, macrofotografia. "FotoEmozioni è il Portale della Fotografia Naturalistica"
Oggi è mercoledì 20 marzo 2019, 12:36

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora




Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 7 messaggi ] 
Autore Messaggio
 Oggetto del messaggio: Gallo forcello
MessaggioInviato: mercoledì 18 giugno 2008, 17:17 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: lunedì 12 maggio 2008, 13:15
Messaggi: 647
Località: Novi di Modena (MO)
dedicato a Mario Rigoni Stern, scomparso lunedì 16 giugno

"Il luogo dove eravamo era fuori dal mondo e dal tempo. Immaginavo l'urogallo che pasturava tra i mirtilli o che al sole, in una piccola buca sotto un larice, razzolava o si lisciava le penne. Ci mettemmo stesi supini a guardare il cielo dove nessuna nuvola vagava. Passavano contro l'azzurro gli uccelli migratori: fringuelli montani, lucherini, frosoni, tordi."
(Mario Rigoni Stern - Il bosco degli urogalli)



Gallo forcello (Tetrao terix) un ringraziamento a Luciano Casagranda, accompagnatore entusiasta e gran fotografo
foto scattate il 25/05

esattamente una settimana dopo il primo annacquato tentativo(acqua a catinelle e nebbia) la voglia di fotografare il forcello è praticamente intatta e anzi il primo approccio ci ha fatto assaporare un traguardo vicino ma non ancora raggiunto. Si decide di riprovare, nonostante una settimana di pioggia alle spalle e previsioni meteo non allettanti, il sabato sento Luciano che non ha nemmeno il dubbio di rinunciare: "domattina ore 2:30 ritrovo al casello di trento"
E via che si va, il sabato pomeriggio rimonto il mio capanno fai da te nel garage e cerco di rinforzarlo il più possibile improvvisandomi sarto, il vento della settimana prima aveva lasciato il segno.
La morosa ormai comincia a dubitare della mia salute mentale quando il sabato a mezzanotte con la pioggia ancora martellante la riaccompagno a casa per ripartire per il trentino, in fondo sa che non rinuncerei nemmeno con la neve... e allora si ripete una scena vissuta solo 7 giorni prima; incredibile quanto la voglia di fotografare un pollastro nero possa entusiasmare e così alle 3 mentre risaliamo sul fuoristrada di Bruno con le ultime gocce di pioggia che cadono, già ci immaginiamo un'alba dorata e i forcelli in parata a portata di click, e io addirittura tengo montato sulla reflex il 150mm per ambientare i primi scatti con lo sfondo di quelle montagne che non ho mai nemmeno visto, ma che i racconti di Luciano e di Bruno dipingono come fantastiche
Raggiungiamo quota 1800, cielo coperto ma almeno non piove. Io che vengo dalla pianura e sono ottimista per natura cerco di non credere a Bruno che con sagge parole smorza gli entusiasmi "Su questa montagna senza vento dell'est fa sempre nebbia..." E non si sbaglia. Raggiungiamo quota 2000 e un muro lattiginoso e umido ci avvolge e la luce delle frontali sembra un fiammifero mentre montiamo i capanni.
Già senza pioggia è comunque un'altro mondo e la speranza di vedere alzarsi le nuvole con l'arrivo della luce dell'alba mi mantiene sveglio.
Alle 4.30 i primi cinguettii (forse di Tordele) rompono il silenzio, nemmeno una bava di vento e la nebbia sembra ancora una pellicola grigio/nera attaccata alle feritoie del capanno
Pochi minuti dopo le 5 un frullio d'ali, e comincia il canto. la prima mezzora è tutta al buio ma già sentirlo è un buon segno. Sono almeno 2 e forse uno un pò più lontano, l'eco e il sonno fanno brutti scherzi e con la nebbia può sembrare di avere il forcello a 3 metri dal capanno come a 3 km...
Passano i minuti, continua il canto e purtroppo pure la nebbia; quando una folata di vento sembra alzarsi la luce aumenta e si intravedono le sagome, sono davvero vicini. Smonto il 150mm e monto il 400, l'ambientazione nebbiosa sarebbe simil-padana e allora tanto vale fargli quasi dei primi piani.

Questa è delle 6.34, una scena che non dimenticherò: forcello in pieno canto a pochi metri sulla punta di un piccolo abete, lo scatto è d'obbligo e lui tranquillo mi permette di farne diversi anche se il risultato assomiglia di più a una radiografia che a una foto. Sento che dagli altri capanni anche gli altri si danno da fare. Non so però se prevale la gioia dell'incontro o il rammarico per la nebbia. Classica situazione in cui pensi: chissà che foto se solo... e va bè, non siamo in una sala di posa e ci sta

30D, 400mm f 5,6 (no crop)
Immagine


I forcelli ci tengono compagnia fino alle 8, avvicinandosi e allontanandosi, agguerriti anche quando proviamo a imitarne il fischio e loro rispondono a tono. Poi in silenzio se ne vanno, a dormicchiare su qualche peccio nel bosco fitto. Rimaniamo la nebbia e noi con i nostri capanni, sembrano 3 igloo sulla luna.
E così anche stavolta smontiamo i capanni e ce ne andiamo quasi a mani vuote. Per di più basta scendere di 100 metri e la nebbia si alza, rimane incollata ai prati d'alta quota quasi a prenderci in giro.
Ma esattamente come la volta scorsa durante la discesa veniamo premiati da un forcello con l'orologio indietro.Luciano avvista un bellissimo esemplare che in un prato coperto di erica è lì tranquillo che se la canta. E anche se la luce non è quella dorata dell'alba e la distanza è molto maggiore lo spettacolo è comunque bellissimo, canta e si rigira, poi apre la coda e fischia, e il sottofondo di click non lo disturba affatto. Passa mezzora almeno e non ce ne accorgiamo, fino a che stanco anche lui per la levataccia si alza in volo e arrivederci. E già non vedo l' ora sia aprile 2009

30D e 400mm f5,6 (no crop)
Immagine

qui con l' 1,4X (no crop)
Immagine


verticale sempre 400 e 1,4X
Immagine



ho avuto problemi con il bilaciamento del bianco, e non mi sembra di aver risolto. consigli?

_________________
Marco Angeli


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 18 giugno 2008, 18:02 
Non connesso
Site Admin
Avatar utente

Iscritto il: mercoledì 23 aprile 2008, 21:25
Messaggi: 9488
Località: Valle di Fiemme - Predazzo (TN)
Non conoscevo Stern e non ho letto a dire il vero nessuno dei suoi libri ma mi unisco alle condoglianze per la scomparsa.


Tornando a cose piu allegre Vioz

Ottimo il tuo racconto e mi fa tornare in mente le prime uscite al Forcello......tanti annetti fa :(

Quest'anno però ho saltato l'appuntamento anche perche il tempo era sempre pessimo e non faceva venir nessuna voglia di andarci.

Per il bilanciamento, predi una foto dove vedi bene la coda del gallo che è di un bianco puro, bilancia su quella in vari punti e vedi i risultati.
Essendo piume sottili se prendi un punto dove risente ad esempio del colore rosso delle eriche il bilanciamento sballa.

Gerry

_________________
Immagine Vi presento il mio nuovo Libro, pubblicato con gli amici Flavio e Riccardo


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 18 giugno 2008, 20:21 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: giovedì 15 maggio 2008, 15:58
Messaggi: 1821
Località: Donnas (AO)
non sempre si trovano le condizioni meteo ideali, ma quando l'obiettivo viene raggiunto, direi che ci si possa ritenere sempre soddisfatti, infondo poi, la nebbia e il cattivo tempo fanno parte anch'essi della sfera della natura, e come tali, andrebbero tenute piu in cosiderazione.
gran bel racconto ed esperienza.

Bravo!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: mercoledì 18 giugno 2008, 20:48 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 2 maggio 2008, 21:44
Messaggi: 1166
Località: varena
:D Bravo Marco.
bel racconto ricco di emozioni come dice Gerry che ti riportano ai ricordi delle prime uscite,direi anche un buon risultato visto le condizioni climatiche.Ciao.

_________________
www.marchgraziano.it


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: giovedì 26 giugno 2008, 20:51 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: domenica 18 maggio 2008, 22:16
Messaggi: 45
Località: Massa e Cozzile Pistoia
Mi associo a chi mi ha preceduto e bravo per tutto!


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 27 giugno 2008, 20:19 
Non connesso

Iscritto il: mercoledì 25 giugno 2008, 10:12
Messaggi: 5
Località: Verona - Trento
Bravissimo Vioz, mi piace moltissimo anche la prima foto nebbiosa, rende alla perfezione la situazione dell'attesa.
Come ti sei trovato con il 400 5.6 in luce scarsa? Sentivi mancanza di luminosità o neanche poi tanto? Te lo chiedo perchè prima o poi dovrò farmi un fisso per la fauna...

_________________
"Pace e Bene".
Francesco


Top
 Profilo  
 
 Oggetto del messaggio:
MessaggioInviato: venerdì 27 giugno 2008, 22:41 
Non connesso
Avatar utente

Iscritto il: venerdì 27 giugno 2008, 14:14
Messaggi: 249
Località: Casalvieri (FR)
Ottima serie, preferenza per la prima.
Ciao.

_________________
Filippo Rocca
http://fotoalbum.alice.it/filipporocca


Top
 Profilo  
 
Visualizza ultimi messaggi:  Ordina per  
Forum bloccato Questo argomento è bloccato, non puoi modificare o inviare ulteriori messaggi.  [ 7 messaggi ] 

Tutti gli orari sono UTC + 1 ora


Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 6 ospiti


Non puoi aprire nuovi argomenti
Non puoi rispondere negli argomenti
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi inviare allegati

Cerca per:
Vai a:  
Powered by phpBB® Forum Software © phpBB Group
Traduzione Italiana phpBBItalia.net basata su phpBB.it 2010